Promo icon

100% garanzia di soddisfazione

Promo icon

Consegna veloce in 2-3 giorni lavorativi

Promo icon

Spedizione gratuite oltre ai 50€

Promo icon

100% diritto di riborso

Promo icon

Qualità verificata

Promo icon

100% garanzia di soddisfazione

Promo icon

Consegna veloce in 2-3 giorni lavorativi

Promo icon

Spedizione gratuite oltre ai 50€

Promo icon

100% diritto di riborso

Promo icon

Qualità verificata

Carenza di vitamina D?

Conosciamo la vitamina D e i suoi benefici

Vitamin D include le vitamine D-1, D-2 e D-3, ma esiste solo in due forme: come vitamina D2 (ergocalciferolo) e vitamin D3 (colecalciferolo). Viene anche chiamata “vitamina del sole” perché il nostro corpo la produce dal colesterolo quando la pelle è esposta alla luce solare. La vitamina liposolubile ha diverse funzioni importanti nell’organismo, le più importanti delle quali sono la regolazione dell’assorbimento di calcio e fosforo dall’intestino e il supporto per il normale funzionamento del sistema immunitario. Ma ne conosciamo molti altri:

  • promuovere la salute dei muscoli
  • aiuto nella crescita cellulare
  • ridurre l’infiammazione, che aiuta a prevenire malattie
  • come l’artrite reumatoide e la psoriasi
  • regolazione della pressione sanguigna
  • supporto per la salute cardiovascolare


Poiché l’apporto di vitamina D non ottimale potrebbe rappresentare un rischio per la salute, in Slovenia sono attualmente in corso due importanti progetti di ricerca, i cui risultati hanno già fornito diverse risposte ad alcune domande chiave.
Quest’area è stata studiata nell’indagine nazionale NUTRIHEALTH e la ricerca sta proseguendo nell’ambito del progetto di ricerca “Sfide per ottenere un apporto adeguato di vitamina D “, guidato dall’Istituto di nutrizione. I risultati preliminari suggeriscono che l’apporto di vitamina D è ancora peggiore quest’anno rispetto allo scorso.

La carenza di vitamina D è presenta nel 80 % della popolazione europea

Alla domanda “Qual è l’offerta di vitamina D della popolazione europea ?” Nella ricerca all’interno dell’indagine nazionale NUTRIHEALTH ha risposto il Prof. dr. Igor Pravst, Institute of Nutrition, Head of Nutrihealth Research: »Nello studio, l’apporto di vitamina D è stato determinato analizzando campioni di sangue di 280 adulti di età compresa tra 18 e 74 anni. Abbiamo riscontrato grandi differenze nell’apporto di vitamina D alla popolazione adulta dell’ Europa nelle diverse stagioni. Tra novembre e aprile, fino all’80% degli adulti non era sufficientemente rifornito di vitamina D e quasi il 40% era anche gravemente carente. Un’altra preoccupazione è lo stato e i risultati della valutazione, che è dovuta alle raccomandazioni dell’Associazione Internazionale di Endocrinologia, che mostra che almeno il 5% dei risultati sono fortificati con moderazione con vitamina D in inverno “.

 

Fonti naturali di vitamina D.

La Vitamina D viene formata nella pelle sotto l’influenza della luce solare. La quantità di luce solare necessaria per sintetizzare quantità adeguate di vitamina D varia a seconda dell’età, del colore della pelle, dell’esposizione al sole e dei problemi di salute di una persona. La produzione di vitamina D diminuisce con l’età. Inoltre, le persone solo esposte al sole D, soprattutto nei mesi invernali, non possono fornire al corpo livelli sufficienti di vitamina nel sangue. Un’altra importante fonte di vitamin D sono gli alimenti, dove si trova naturalmente, ma non è ancora sufficiente.

Le più importanti fonti alimentari di vitamina D in una dieta equilibrata sono principalmente vari alimenti di origine animale, ad es. pesce, uova, latte e latticini e alimenti vegetali lo contengono principalmente nel caso di prodotti fortificati. Pertanto, un individuo può contribuire a una migliore assunzione di vitamina D3 in una certa misura includendo regolarmente questi alimenti nella frequenza e nella quantità raccomandate. I produttori aggiungono questa vitamina anche a determinati alimenti, più comunemente ai cereali per la colazione, varie creme spalmabili e bevande, dove questo è anche chiaramente indicato sull’etichetta. Allo stesso modo, per gli integratori, la quantità di vitamina D aggiunta deve essere indicata in etichetta. Tuttavia, i risultati finora hanno anche evidenziato le sfide in questo settore, che dovranno essere affrontate a un più ampio livello europeo. Prof. dr. Igor Pravst, Institute of Nutrition: “Secondo la legislazione europea sull’etichettatura dei prodotti alimentari, cibo o. Gli integratori alimentari contenenti 5 µg di vitamina D3 indicano che contengono il 100% dell’assunzione giornaliera raccomandata di questa vitamina. I valori di riferimento per l’apporto giornaliero di vitamina D sono più alti (15 o 20 µg), quindi alcuni produttori di alimenti o. gli integratori alimentari spesso aggiungono dosi adeguate, che etichettano come ad es. trecento o anche più per cento della dose giornaliera raccomandata.
Va sottolineato che tali dosi di solito non rappresentano un rischio per la salute, poiché, tenendo conto del parere scientifico dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare, quanto sopra rappresenta ancora un apporto alimentare giornaliero sicuro di vitamina D da tutte le fonti per adulti sani fino a 100 µg “.

La carenza di vitamina D sta diventando sempre più comune

Con la normale esposizione ai raggi UVB, la maggior parte delle persone riceve vitamina D in estate, mentre nella nostra area geografica durante l’autunno e l’inverno dipendiamo principalmente dall’assunzione alimentare di vitamina D. Pochi alimenti sono naturalmente ricchi di questa vitamina, che produce vitamina D in autunno e in inverno. rappresenta uno degli integratori alimentari più frequentemente aggiunti.

Tuttavia, il problema della carenza di vitamina D non è presente solo in autunno e in inverno. È importante anche nei mesi estivi, poiché per lo più non riusciamo a compensare la mancanza di vitamina D, che elaboriamo durante tutto l’anno (da ottobre ad aprile) se non la aggiungiamo.

I gruppi più a rischio per la carenza di vitamina D includono le madri incinte e che allattano di età superiore ai 70 anni, neonati e bambini di età inferiore ai 5 anni, le persone con la pelle più scura e quelle con poca esposizione al sole.

Potresti essere carente di vitamina D per una serie di motivi
  • Non assumi abbastanza vitamina D con la tua dieta
  • Non assorbi abbastanza vitamina D dal cibo (problema di malassorbimento)
  • Non sei esposto a abbastanza luce solare
  • Il fegato oi reni non possono convertire la vitamina D nella sua forma attiva nel corpo
  • Stai assumendo medicinali che influenzano la capacità del corpo di convertire o assorbire la vitamina D.
Quali sono i sintomi più comuni della carenza di vitamina D?
  • Infezioni frequenti e sistema immunitario basso
  • Sbalzi d’umore
  • Diminuzione dei livelli di calcio
  • Aumento di peso
  • Perdita ossea e fratture
  • Dolore alle ossa e alle articolazioni
  • Crampi muscolari e debolezza
  • Esaurimento e stanchezza generale
..che può portare anche a problemi e malattie più gravi:
  • Asma
  • Diabete
  • Malattie cardiovascolari (pressione alta e / o insufficienza cardiaca graduale)
  • Osteoporosi e / o osteopenia
  • Malattie autoimmuni
  • Sindrome dell’affaticamento cronico
  • Allergie
  • Malattie della pelle (dermatiti, eczemi, ..)

La carenza di vitamina D si riflette, tra le altre cose, in una minore resistenza naturale (immunità innata) alle infezioni respiratorie acute (virali). Nell’era dei virus, gli esperti affermano che è importante sottolineare che la vitamina D , se ne abbiamo abbastanza, può alleviare il decorso della malattia calmando gli eventi infiammatori eccessivi nei polmoni. Prof. dr. Marija Pfeifer, Ph.D. med., specialista internista, endocrinologo, presidente dell’Associazione degli endocrinologi della Slovenia presso l’SZD: “A causa dell’aumento dei dati sugli effetti benefici della vitamina D sulla riduzione del verificarsi di infezioni respiratorie virali, abbiamo scritto raccomandazioni per la sostituzione di vitamina D.”
In Europa, alla fine dell’anno scorso, è stato istituito a livello nazionale un gruppo di esperti per la preparazione di linee guida nazionali per l’approvvigionamento di vitamina D, di cui sono responsabile. Abbiamo in programma di essere in grado di presentare linee guida nazionali complete il prossimo anno. «

La situazione attuale ha costretto alcuni membri del gruppo a unire le forze e formulare raccomandazioni provvisorie a scopo di mitigazione. Dicono che: “Sulla base dei dati sulla prevalenza estremamente elevata di una grave carenza di vitamina D nella popolazione slovena nel tardo autunno e in inverno, si consiglia di sostituire la vitamina D3 a scopo preventivo”.

 

In estate, il fabbisogno di vitamina D del corpo può essere ottenuto con una breve e moderata esposizione al sole e in autunno e in inverno la fonte principale è l’alimentazione. Tuttavia, molte persone si chiedono, quale importo ha ancora senso aggiungere?

Quanti vitamini D abbiamo bisogno?

La quantità di vitamina D, di cui abbiamo bisogno ogni giorno dipende dalla tua età e condizione. Raccomandazioni per la sostituzione del colecalciferolo (D3) in determinati periodi:

Per gli adulti sani, la quantità raccomandata di vitamina D3 è di 800 – 2.000 UI al giorno dall’inizio di ottobre alla fine di marzo. Nei gruppi a rischio di pazienti cronici e anziani a partire dai 70 anni di età, si raccomanda una dose di 1.000 – 2.000 UI al giorno durante tutto l’anno.

Si consiglia inoltre alle donne incinte e che allattano di assumere 1500-2000 UI di vitamina D3 al giorno. In caso di dubbio, puoi anche testare i tuoi valori prima di aggiungerli. Per i bambini fino a 1 anno, la dose raccomandata è 400-1000 UI al giorno e da 1-18 anni 600-1000 UI al giorno.

Se i virus sono già presenti, l’assunzione di vitamina D può aumentare. La dose raccomandata durante questo periodo è di 14.000 UI per 4 giorni consecutivi se prima non hai assunto abbastanza vitamina D, quindi 2.000 UI al giorno.

*IE – unità internazionali, 1000IE = 25mcg di colecalciferolo

*NIJZ 2013; riassunto dopo D-A-CH: New Reference Values for Vitamin D. Ann Nutr Metab 2012; 60: 241 – 246

*Holick M et al. Evaluation, Treatment, and Prevention of Vitamin Deficiency: an Endocrine Society Clinical Practice Guideline, J Clin Endocrinol Metab 2011; 96: 1911 – 1930

 

Con l’esposizione al sole, possiamo ricevere circa 10.000 UI di vitamina D3 (o più). Esperti medici hanno confermato in uno studio del 2012 che in assenza di vitamina D nel sangue, consumando 5.000 UI di unità di vitamina D al giorno, per 3 mesi, aumentiamo più velocemente il livello di vitamina D nel sangue a un livello soddisfacente.

Assicurati di avere abbastanza vitamina D3!

-40%

Vitamina D3 in polvere

integratore alimentare

La forma più biodisponibile di vitamina D3 in polvere

  • Formula forte con 2000 UI (1000% NRV) D3 per dose
  • Vitamina D3 in polvere dal gusto eccellente, per un piacevole godimento
  • Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario
  • Aiuta a mantenere la normale funzione muscolare
  • Aiuta a mantenere ossa e denti sani
  • Contribuisce al normale assorbimento e utilizzo di calcio e fosforo
  • Supporta la normale divisione cellulare
  • Senza zuccheri
150g | per 30 giorni
Prezzo di listino: 8,49 
5,09 
e risparmia 3,40 
Delivery
Mancano solo 50€ fino SPEDIZIONE GRATIS
Prodotti nel carrello

Nessun prodotto nel carello.

Offerta speciale in esclusiva sul nostro sito!

Aggiungi al tuo ordine e risparmia!

-72%
Golden Q10

Formula di coenzima Q10, vitamina C e complesso B per la protezione dai danni ossidativi

10,48  2,94 
-70%
Vitamina C+ Selenio + Zinco

Formula rivoluzionaria di vitamina C, selenio e zinco per il sistema immunitario del ferro!

8,38  2,52 
-60%
Magnesio+ B-complesso

Una formula rivoluzionaria di magnesio e vitamine del gruppo B per ridurre la stanchezza e l'esaurimento

8,26  3,31